Sistemi solari attivi

I sistemi attivi utilizzati per la climatizzazione degli edifici sono costituiti da vari elementi con distinte funzioni; a differenza dei sistemi passivi, la trasmissione del calore non è affidata ai flussi termici naturali – o comunque questi non sono sufficienti a garantire il trasferimento dell’energia alle utenze: occorre dunque utilizzare pompe di circolazione e sistemi di ventilazione con alimentazione esterna al sistema.
Il costo di un sistema attivo è maggiore rispetto a quello di un sistema passivo, anche per la necessità di manutenzione periodica.
Il vantaggio dei sistemi attivi sta nel fatto che la loro installazione non deve necessariamente essere prevista in fase di progettazione dell’edificio, in quanto non richiede un assetto particolare della struttura, salvo la verifica preventiva dei requisiti minimi per l'applicazione di un qualsiasi dispositivo solare (orientamento e disponibilità al soleggiamento).
Al di là di considerazioni energetiche, dunque, la scelta tra sistemi attivi e passivi è fortemente condizionata dal contesto operativo nel quale si deve intervenire: nel caso di una nuova realizzazione sono possibili entrambe le soluzioni, mentre nel caso di una ristrutturazione un sistema passivo potrebbe risultare poco efficiente se mancasse un opportuno orientamento dell’edificio.
Pannelli solari per la produzione di acqua calda, pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, centrali solari che producono corrente elettrica per più utenti sono fra i sistemi attivi più comuni.